Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Mal d’Africa’

Diani-10 novembre 2010 ore 23.45 ora locale(-2 ore in Italia)

Ce lo dicevano in tanti, prima che iniziassimo la nostra avventura quaggiù che aiutare la popolazione locale non sarebbe stato facile, né così scontato. In effetti i diversi commenti e considerazioni e raccomandazioni hanno più o meno trovato tutti rappresentazioni nei dati di fatti più che nelle opinioni nostre che volevano essere più ottimistiche delle premesse.

Aiutare non è semplice.
Questo però non lo è qui e credo in nessuna parte del mondo e per nessuna situazione o persona.

L’aiuto che uno vuole dare spesso non è quello che l’altro si aspetta e anche se ci si spiega tra le parti, spesso comunque una delle due parti rimarrà delusa.

Aiutare persone povere in difficili situazioni culturali generali ed economiche lo è ancora di più.

Lo vediamo da anni con il nostro paese, con il meridione, io sono per una parte meridionale d’origine e questo nostro paese l’ho girato e posso assicurare che effettivamente le discrepanze si sono sempre viste. Nonostante gli aiuti stanziati quando questi arrivavano erano sempre dati in mani sbagliate e forse(?)arrivavano anche decurtati rispetto alla partenza.

In ogni caso non è dell’Italia che volevo parlare anche se spesso mi ritrovo a fare parallelismi con la nostra condizione, la cultura, la mentalità e spesso ci trovo molto più simili di quanto vediamo o vorremmo vedere ed ammettere.

Aiutare le popolazioni diverse da noi non è sempre facile, soprattutto aiutarle attraverso enti, onlus, ong, organizzazioni mondiali che non sai mai davvero in che percentuale usino i tuoi soldi per la popolazione piuttosto che per farsi pubblicità, usarli nel marketing e viverci pure.

Così quando ti spingi direttamente in certi luoghi ti viene più spontaneo, o almeno per alcuni di noi, darti da fare e mettere mano al portafoglio.

In questi anni frequentando un po’ il Kenya, soprattutto un orfanotrofio ne abbiamo viste di tutti i colori e forme e devo dire che la poesia romantica di aiutare per il gusto puro di farlo insieme ed in gruppo ad altre persone magari sconosciute viene un po’ a mancare.

Come dicevo ne abbiamo viste tante, da i turisti che arrivano in pulmini, portati dalle guide a visitare l’orfanotrofio che scendono armati di macchine fotografiche e videocamere come se fossero ad un safari con soggetti umani, anziché animali. Quelli che scendono, si guardano attorno e cominciano ad elargire caramelle ai bambini, riprendendo e commentando ogni movimento del piccolo mentre scarta l’ennesima caramella del giorno. La sua faccia perplessa infatti non è perché non ha mai visto una caramella, quanto più perché non si spiega che ogni persona bianca che arriva deve dargliene una e non è contento finchè non la mette in bocca.
Ma vaglielo tu a spiegare al turista che non sono scimmie che scoprono i colorati bon bons.

C’è poi la signora armata di scatola di biscotti sotto il braccio che aiutata dalla figlia più piccola riunisce i bambini nella sala da pranzo e comincia a lanciare i micropacchetti ai bambini che dopo le prime perplessità si siedono composti e alzano a turno la mano per afferrare i 4 biscotti.
Mentre tu guardi la scena a bocca spalancata ti appare davanti la scena della tizia allo zoo mentre lancia arachidi incurante di un guardiano che scuote la testa sotto il cartello “non si deve dare cibo alle scimmie”.

Poi ci sono i ragazzotti e anche uomini sulla sessantina che arrivano si piazzano la bimba più bella del gruppo sulle ginocchia e fanno la foto ricordo senza nemmeno ricordarsi dopo 10 minuti come si chiamava, senza nemmeno aver chiesto come stava, da dove veniva, la sua storia.

A te, vengono i brividi di disgusto.

La gente viene qui, lancia biscotti, caramelle e filma e riprende tutto, fa la foto ricordo e se ne torna in albergo e poi a casa, pensando di aver fatto quello che poteva e di aver lasciato una buona impressione.

Ci sono anche quelli che più toccati nel profondo arrivano, vedono e in 3 minuti capiscono tutto e dopo 3 giorni si lanciano in immediate campagne per aiutare i bambini, tra gli amici in vacanza con loro, raccolgono i soldi e li donano al direttore, il quale ben contento gli porge una ricevuta e questi, sicuri della serietà si prodigano appena tornati in Italia a raccogliere fondi per costruire il nuovo padiglione, ristrutturare la cucina, comprare nuovi letti etc etc.
Spesso queste persone armate di tutta la buona volontà e fiducia nel prossimo, raccolgono davvero i soldi, li inviano e poi chiedono al direttore di ricevere informazioni che raramente riceveranno e ancor più raramente potranno verificare in futuro, perché con molta probabilità non torneranno più in quel paese.
Molti altri tornati dalle vacanze ci provano per un po’ poi desistono, presi anche da altri impegni e la vita che scorre frenetica e si dimenticano fino al prossimo viaggio dei bambini poveri di quell’orfanotrofio.

Noi con la nostra famiglia e un gruppo oramai allargato di amici, aiutiamo da tempo con diversi piccoli progetti anche un orfanotrofio vicino Malindi.
Perché abbiamo deciso di aiutarli? Perché siamo tra quelli di uno degli esempi, tornati in Italia abbiamo deciso di fare qualcosa di più ma con una variante. Abbiamo deciso di controllare personalmente quasi ogni fondo o sponsorship portata fisicamente al direttore.
Quindi una volta tornati abbiamo comprato direttamente merce che effettivamente serviva alla struttura, l’abbiamo fatta consegnare, mentre contemporaneamente la vecchia veniva rimossa e abbiamo fatto in modo che ogni piccola o media cifra donata venisse in 4 anni gestita, solo così e in nessun altro modo.
Ovviamente i soldi per le sponsorizzazioni, per le rette scolastiche non è stato possibile monitorarle ma venendo spesso in Kenya prima del nostro trasferimento abbiamo potuto notare che i bambini venivano effettivamente mandati a scuola e chi più e chi meno faceva progressi con l’inglese e non solo.
Ora tra i tanti “turisti degli orfanotrofi” ci sono anche personaggi che si lasciano facilmente trascinare in imprese grandiose di raccolta fondi dopo solo pochi giorni di conoscenza del paese, del luogo, delle persone e della cultura e soprattutto della struttura, queste persone si proiettano “in uno spot”, attrezzandosi in prima persona con siti web, brochure di presentazione, biglietti da visita, addirittura operazioni di marketing ad hoc con storie semi-vere e foto a forte impatto emotivo, conti bancari intestati a loro nome, etc etc  lanciandosi in crociate per questi bambini da lasciare molti a bocca aperta per l’entusiasmo dimostrato ma spesso per la fiducia spropositata che ripongono.

Accade spesso che i rappresentanti delle fondazioni serie, che gestiscono fondi e progetti sul posto, si chiedano e a volte indagano anche, per capire se questi individui siano del tutto ignari  dei rischi e credano ad ogni persona che mostri dei bambini sull’orlo della miseria, chiedendo loro soldi, o se invece siano mosse da altre leve, ovvio immaginare di che tipo e forma potrebbero essere queste, soprattutto in un paese come il Kenya.

In questo breve periodo di 4 anni sentendone e vedendone in prima persona molti di questi esempi di persone non proprio armate da buone intenzioni o comunque non sempre improntati con seria professionalità ed umanità, mentre molte altre tragicamente poi ingannate e deluse dall’esperienza di aver donato molti soldi con molta fiducia, senza poi averli visti di fatto mettere in pratica in opere e progettazioni promessi, abbiamo deciso di continuare i nostri micro-progetti investendo in prima persona, fondi, tempo e lavoro diretto per evitare che i soldi donati venissero dirottati verso altri scopi.
Com’è stato per il progetto “0” del dormitorio con le balle di paglia. Questo progetto è stato inizialmente finanziato totalmente da noi e la nostra famiglia e da qualche amico e poi piano piano si sono aggiunti altri amici che hanno così ridotto il nostro contributo, aiutandoci anche nella realizzazione concreta. Questo progetto doveva servire soprattutto per provare a portare una nuova-vecchia tecnica di costruzione, molto utile da imparare per la comunità locale perché usa di base gli stessi materiali che loro già conoscono(terra, argilla, calce, legno e paglia), la stessa modalità di autocostruzione(di solito si riuniscono tra parenti e amici e costruiscono una stanza alla volta), inoltre il basso impatto economico ed ambientale ma l’enorme differenza era portare abilità nuove per far durare la casa, la struttura molto più a lungo che le loro normali case fatte di fango, sassi e legni legati fra loro, le quali dopo 2 o massimo 4 stagioni delle piogge crollano miseramente.

Il progetto “0” significa che siamo partiti per fare una prova con la comunità locale che in parte è stata compresa e in buona parte ha permesso a noi di comprendere come avanzare per migliorare approcci e metodologia con una cultura totalmente diversa dalla nostra.
Qui infatti sono emerse le evidenze di diversità per le quali amici e conoscenti che frequentano il Kenya da tempo ci avevano messo in guardia.
La cultura keniota soprattutto sulla costa è impregnata di una mentalità di assistenzialismo, dove il bianco, il ricco arriva e da soldi. Punto.
Senza chiedersi a cosa servano davvero, senza chiedere se servono davvero quelli o se invece serve un macchinario, magari per aumentare destrezze e produttività.
O ancora se serve una tecnica per aumentare professionalità e cultura o se serve magari sì, un aiuto economico ma gestito diversamente per fargli costruire per esempio un pozzo e intanto imparare a farlo, per poi rendere indipendenti delle persone.
Magari anche insegnando loro a crearsi un orto così da rendersi autonome in buona parte.
No, il bianco è visto come un bancomat. Lui arriva, io tendo la mano e i soldi spuntano dalle tasche.
Questo poi purtroppo è rafforzato da un effettivo atteggiamento diffuso in molti occidentali.

Le persone di qui, quelle più colte, più intelligenti, più sensibili e più desiderose di emancipazione e cultura ce lo dicono da anni: teneteli i soldi e aiutateci a crescere, gestite voi i soldi insegnandoci a farlo, non date soldi ad un africano non li userà per quello che davvero dice di voler comprare ma li spenderà per altri stupidi scopi.
Questa è la tiritera che se ti fermi a parlare con un certo tipo di gente e soprattutto con i missionari religiosi e laici ma non solo, ti sentirai ripetere fino alla nausea.

Noi quindi abbiamo applicato questa tecnica quasi alla lettera e si potrà capire quindi, quante difficoltà abbiamo incontrato sul nostro percorso, ovviamente, e ce lo aspettavamo anche se non così tante, dai locali, che si sono prima stupiti, poi risentiti e poi di nuovo stupiti dell’assenza da parte nostra di elargire soldi da far gestire a loro per comprare i materiali o peggio per pagare persone non professionalmente valide per svolgere un compito che era svolto da un vero professionista oltretutto volontario ma cosa ancora più assurda e più sconvolgente, abbiamo incontrato anche alcuni nostri connazionali, veramente risentiti dalle nostre raccomandazioni.
Queste care persone, purtroppo ancor più ignoranti(dal verbo:ignorare, significato:colui che ignora che non conosce), dei sottoscritti, sulle culture  e sulle mentalità del luogo, perché alla loro prima esperienza, hanno rifiutato in maniera ferma e sicura gli esempi non proprio edificanti, vissuti da altri concittadini che abbiamo citato loro ma non solo, hanno deciso di donare ed inviare denaro frusciante a cascata su progetti ancora campati per aria e senza il minimo controllo e ci siamo sentiti anche aspramente criticati per la nostra malafede.
Che dire…dare fiducia è difficile e veramente difficile, riporla anche e a volte poi si viene così tanto confusi dalle emozioni e dalle spinte caratteriali da farci prendere vie più impervie.
Ma si sa che ognuno di noi deve fare l’esperienza che più gli serve per comprendere appieno come comportarsi e proseguire.
Noi ci sentiamo di dire a chiunque abbia avuto una brutta esperienza in merito a donazioni di non perdere la fiducia, di provare a continuare ad aiutare, di farlo magari se si può personalmente o attraverso persone che conoscete.
Nonostante le delusioni anche da noi subite in diverse situazioni non ci stiamo arrendendo anche se a volte lo sconforto arriva, perché capiamo che è solo attraverso gli errori che si cresce e si comprende meglio noi stessi e la vita.

Aiutare col cuore e riuscirlo a fare senza rimanere delusi da aspettative mancate insieme alla fiducia ben riposta sono la cosa più bella da provare, quindi nonostante le difficoltà, gli errori e i dubbi che si possono incontrare in un progetto piccolo o grande che sia, non molleremo perché il risultato finale è quello che davvero conta e non gli incidenti sul percorso.

Annunci

Read Full Post »

Diani-Ukunda – domenica 17 ottobre 2010- ore 18.00 ora locale (-1 ora in Italia)


Oggi, dopo anni che non andavo spontaneamente di cuore ad una messa, mi sono avventurata alle 10.30 nella parrocchia St.Joseph di Diani. Dopo anni per diversi motivi personali mi sono riavvicinata alla fede nel Signore, non nella chiesa, quella del Vaticano per intenderci che per me in larga misura si riassume in una SpA (andatevi a leggere il libro interessante e sconcertante a riguardo: VATICANO SPA).
Comunque Vaticano a parte…se andate in qualche parte dell’Africa dove ci sia una chiesa magari cattolica, dovete entrare a vedere celebrare la messa!
Scordatevi le messe barbose, scure e seriose dell’Italia.
Qui è un’altra storia, come tutto d’altronde lo è già di per sé ma la messa ne è la prova lampante.
Le persone si riuniscono tutte e dico tutte per andare insieme a festeggiare il Signore. Dalla strada al di fuori del cancello senti i cori e nel tragitto, tutti elegantissimi bambini ed uomini e le donne in vestiti chi più o chi meno della festa si incamminano allegramente.
Nel giardino di questa bella semplice chiesa si riuniscono tutti all’ombra dei frangipani ad intonare i canti. I bambini corrono allegri mentre una massa colorata e vociante si infila nella caldissima ed afosa chiesa.
Quando entri accecata dalla luce del sole, gli occhi cercano riparo nell’ombra della sala e mentre si adattano al passaggio di luce, ti si apre davanti il sipario e prende vita uno spettacolo fatto di persone multicolore e plurirazziale.
Ci sono le signore europee, inglesi si presuppone, distinte, eleganti con la gonna al ginocchio perfettamente stirata, la croce semplice ma d’oro al collo, che si guarda intorno divertita, poi intravedi un gruppetto di tedeschi, li riconosci(almeno io) dalla montatura degli occhiali, squadrata e colorata, dai pantaloni con le tasche a trequarti e i sandali birckenstock, l’abbronzatura “all’aragosta maculata”e il sorriso gioviale che regalano a tutti. Intorno a noi anche qualche americano dalla tipica andatura dinoccolata, altissimi, biondi, vestiti sportivamente e con al seguito 5 figli biondissimi come loro. Poi si riconosce qualche italiano anziano e forse nutro sospetti su un’altra coppia più giovane qualche metro più in là che si guarda intorno con la bocca spalancata, qualche altro occidentale di altra nazionalità spicca in mezzo a braccia e teste scure e tutto intorno il colore, l’allegria, il disordine nell’ordine delle cose belle.
Ci sono le tipiche “mama” dai fondoschiena ampi, ampi ma stretti nei vestiti di cotone pesante a fantasia floreale, con l’accrocchio in testa, come lo chiamo io, che fa pendant col vestito, il sorriso largo e gioviale su di un sudatissimo viso. Ci sono le ragazze magre vestite o quasi all’ultima moda, forse quella delle riviste di 2 anni fa ma che per loro fa tanto ultima moda, con una corona in testa di treccine multicolore che sembrano essere lì “più per stare in vetrina” che a pregare. Ci sono anche le giovani coppie con un figlio o massimo due, si incomincia infatti a vedere il cambio di mentalità, in queste famiglie più simili alle nostre e non più dotate di schiere di figli in scala, come si vedeva invece qualche anno fa.
Poi quelli che a me fanno più spalancare la bocca e sgranare gli occhi, sono i Samburu, “cugini” dei Maasai, avvolti nei loro vestiti, o meglio parei rosso fuoco, alternati ed incrociati a quelli turchese e giallo intensi, con le treccine color mattone nei capelli e le mille perline che adornano i braccialetti, creando come tatuaggi multicolore alle caviglie, ai polsi, sulle braccia, con la croce al collo, rigorosamente anch’essa di perline colorate. Si sono convertiti al cristianesimo ma le perline non si toccano e la tradizione neppure!
Loro hanno la mia massima attenzione, li guardo mentre intanto il coro inizia, cantando e annunciando così l’ingresso della croce, dei chierichetti, del corpo di ballo, sì ci sono ballerini che ballano, dei preti e della bibbia, portata con gioia ed allegria in processione e innalzata sopra le teste per farla vedere a tutti e per tutti goderne della vista.
La posizione migliore, quella che io consiglio, è quella delle file interne laterale alla corsia centrale, da lì si vede tutta la fantastica processione colorata e danzante. Ci sono diversi micro-gruppi di ballo che inscenano differenti piccole coreografie ma tutte sincronizzate tra loro.
Stare fermi è impossibile, persino io pezzo di marmo solitamente che si scatena a ballare solo coi bambini per farli ridere, non riesco a contenermi e balletto sui piedi e muovo le braccia, batto le mani e canto anche se non capisco ancora una parola o quasi di kiswahili.
La messa dura due ore. Te credo, per ogni passaggio si canta e si balla! Ma giuro che passano veloci e sono davvero un piacere per gli occhi, le orecchie e l’animo.
La cosa più che tocca e vedere e sentire che la messa per queste persone è davvero importante, è un momento di ritrovo e di riflessione puro e globale. Si sentono parte di un gruppo e questo è bellissimo. Li vedi che si fermano dopo la funzione sul prato della chiesa, chi ha portato delle sedioline, chi la borsa frigo…la prossima volta vorrei rimanere anche io un po’ dopo, per capire, per vedere cosa fanno.

E magari poi raccontarvelo.

Read Full Post »

Diani – Kenya , ora locale 20.09 (-1 ora in Italia)

Non so bene da dove cominciare i pensieri e le parole si confondo, accavallandosi…parto quindi per natura o forse in realtà per mia deformazione professionale dai conti:
Dal conto economico visibile in allegato nelle note posso riassumere che la prima costruzione, ovvero il primo dormitorio per l’orfanotrofio LeaMwana (ma sono state create anche le fondamenta del secondo dormitorio), è costata comprensiva di tutto, incluso alcuni costi di ricerca e spedizione e soprattutto il costo del reperimento dell’attrezzatura un totale di € 6.199 .
Il dormitorio misura 6 per 8 metri interni(7 x 9 esterni) ed ha un’altezza minima di 2,60 e massima 2,80. E’ stato completato fino al soffitto realizzato in canne di bambù ed è stata intonacata in terra cruda e paglia.
Le donazioni raccolte per i costi sostenuti sono state ad oggi di € 6.130 (vedi lista in allegato con nominativi ed importi).
La maggior parte del lavoro è stato effettuato con contributo volontario da parte dei locali: Ibrahim, i fratelli Ken e Ben, Charles e Mwangi, da parte dei corsisti arrivati dall’Italia, ovviamente da parte della mia famiglia, ovvero da parte mia, di mio marito, dei miei suoceri e di mia madre.
Enorme contributo ci è stato dato dall’Hotel Melinde nella persona di Eloisa Minoprio la quale anche con la sua famiglia ha anche contribuito economicamente al progetto. Altrettanto indispensabile e prezioso aiuto e contributo ci è stato fornito dal mitico signor Gordon proprietario del bar-ristorante TICS a poche centinaia di metri dal luogo dell’orfanotrofio.
Vari ringraziamenti anche ai cari guidatori di tuc tuc, Mike-Maina, Wachira, Dankan e Mohamed senza i quali non saremmo riusciti a trasportare sani e salvi e in tempo i volontari, i corsisti e a volte anche i materiali!!!
Ora nel concreto cosa manca e a dopo i più approfonditi ringraziamenti….
Ad oggi servirebbe finire :
>l’intonacatura con altra terra cruda e l’unico costo sarebbe degli operai (4 persone per 1 settimana 350scellini al giorno l’uno), l’acqua per mescolare la terra (circa 50 taniche a 5 scellini l’una);
> ultima mano con calce(circa 5 sacchi a 2500scellini l’uno) con relativi operai (idem come sopra per gli operai);
>copertura soffitto in lamiera (lunghe 3 metri larghe 1,5 ce ne vogliono almeno 24 pezzi ad un costo di circa 1900scellini l’una), minuteria come viti ed etc per fissarle ed operai specializzati(4 operai, montaggio in 5 giorni ad un costo di circa 450 scellini al giorno a persona);
>Pali di sostegno per lamiera e per ricreare piccolo porticato a sostegno della lamiera che fuoriesce dai muri (circa 25 pali, un costo approssimativo di 9000 scellini);
>Porta e telaio con serratura e chiavistelli di sicurezza interno ed esterno (7000scellini);
>2 telai e finestre con sbarre (3500 scellini cad);
>telai e zanzariere per finestre e spazi rimasti liberi sotto il tetto (4000 scellini circa).
>Pavimentazione da definire successivamente
>Impianto elettrico da definire successivamente
>Varie ed eventuali da capire successivamente.
Questo per completare definitivamente il primo dormitorio che accoglierà 8 letti a castello per un totale quindi di 16 bambini.

I direttori del Lea Mwana si stanno impegnando a raccogliere i fondi per completare questo dormitorio e poi continuare la costruzione, per ora di sicuro c’è che se riuscissimo a dare ancora una mano a questi bambini, raccogliendo personalmente i fondi e amministrandoli come fatto finora e poi organizzando i lavori con persone fidate, saremmo certi della riuscita e delle tempistiche.


Infatti in soli 3 mesi siamo riusciti ad organizzare molte cose, dal trovare la materia prima, ovvero le balle di paglia e farle trasportare qui e non è stata cosa facile come si può credere, trovare dei volontari, cosa altrettanto non semplice qui in Kenya, fino a portare dall’Italia grazie a Stefano Soldati, docente costruttore specializzato in balle di paglia che ha organizzato due gruppi di lavoro eccezionali, a Siria dell’agenzia Orobica viaggi che ha gestito per molti di loro i voli e non solo. Poi siamo riusciti ad avere preziosi aiuti da molti come Mariangela, mitica ingegnera, sì con la A e se si potesse pure maiuscola, che ha dovuto creare un progetto basandosi su miei vaneggiamenti dati dall’ignoranza in architettura e dal caldo equatoriale e dallo sfibramento dell’ ”architetto” locale che aveva realizzato un progetto di dormitorio senza porte, nel senso che non si sapeva da dove far entrare i bambini…non c’è da ridere è la verità, ho le prove! A Jason Brayda che senza conoscerci da Nairobi si è fiondato sulla costa più volte per aiutarci e districarci in cose per molti banali che per noi erano come trattare di astrofisica…tipo fare delle fondamenta.
Fino ad arrivare agli sponsors, piccoli, medi e grandi, persone singole, gruppi di amici, anonimi e realtà locali che hanno donato soldi, materiali e non solo, ci hanno donato fiducia ed ottimismo!
Un dono enorme, che ci ha permesso di tirare fuori forza e grinta per continuare in questa impresa che per molti può essere sembrata piccola ma posso assicurare che è stata titanica.
Come molti sanno non siamo del mestiere e mettersi a costruire non è una cosa da poco se si tratta poi di un dormitorio per dei piccoli di un orfanotrofio la cosa si fa ancora più grande. Eppure ce l’abbiamo fatta e questo grazie a tutti quelli che ho messo in elenco nel file del conto economico.
Spero di non aver dimenticato nessuno e di essere stata precisa nella spiegazione delle diverse donazioni, se così non fosse perdonatemi e scrivetemi e provvederò a correggere!!!
Devo però ringraziare per questo progetto anche le avversità avute, le persone che ce l’hanno gufata, tanto per parlare semplice e per quelle che hanno sparlato dicendo che eravamo ridicoli e non ce l’avremmo fatta o che peggio, ci stavamo guadagnando!
Bene, grazie anche a loro, se con l’ottimismo e la fiducia abbiamo tirato fuori forza e grinta, beh con questi ultimi abbiamo tirato fuori le palle, sempre per parlare semplice e la mia natura di mettere tutto per iscritto ci è andata a nozze nell’elencare maniacalmente tutto, ogni singola spesa anche di 5 scellini.
Ed ecco per tutti il resoconto dettagliato delle uscite e delle entrate!
Grazie a tutti voi, nessuno escluso, perché ci avete reso più forti e determinati ma soprattutto consapevoli dei propri limiti ma ancora di più delle proprie potenzialità.
Ringrazio ovviamente anche mio marito, adorabile, instancabile, forte e delicato uomo che mi sopporta e che mi rende così sicura di fare tutto, “solo” perché so che lui mi sostiene, sempre.
Grazie, grazie, grazie ed ora, infine come ultimo inchino, ringrazio anche il Signore, perché in tutta questa bellissima avventura ho riscoperto anche la fede.
Grazie!

Read Full Post »

8 settembre 2010 – “Ho pensato molto se pubblicare questo mio post, infatti è datato rispetto ad oggi, risale al 30 luglio ma solo ora dopo lunga riflessione ho deciso di renderlo pubblico. Ho pensato che il mio blog si chiama Gaiakenya proprio perché voglio raccontare della mia vita, della mia visione e della mia esperienza quiin Kenya, brutta o bella che sia è la mia quotidianità e quindi la racconto. Non sono un blog o un sito di propaganda a favore o sfavore di un paese o di una città di uno stato, né tantomeno sono un sito commerciale che deve vendere un pacchetto vacanze in una località e quindi non mi devo sentire in colpa a descrivere un mal costume che si riscontra qui dove ora vivo. Mi perdoneranno coloro che fanno il loro meglio per descrivere questa cittadina come bellissima e magica…in effetti per certi versi lo è, dato che è da qui che il nostro mal d’Africa è iniziato anni fa.”

Malindi è strana, affascinante, intensa, contrastante, bella e brutta al tempo stesso. Ne rimani colpito, mai indifferente. Il Kenya poi pare essere un paese di contraddizioni, a volte ti fanno sorridere, altre volte riflettere spesso ti lasciano perplesso. Malindi è un’assurda realtà africana dove tutti parlano italiano, ti salutano con “ciao come stai?”e spesso ti parlano in diversi dialetti italiani. La polizia turistica impara la nostra lingua per accogliere e assistere meglio i turisti  e tutti fanno il loro meglio per far sentire gli italiani un po’ più che a casa, di come si potrebbero sentire nel loro paese. Insomma qui, nonostante le enormi diversità dal nostro paese, ti dicono che puoi sentirti veramente in una succursale dell’Italia.
Peccato però che le contraddizioni in Kenya esistono e non solo secondo me, qui a Malindi lo sono ancora di più!
Può capitarti difatti che alle 8.15 di mattina con la strada deserta mentre stai scendendo dal parcheggio in strada di fronte ad un hotel, rimanendo sospeso tra il marciapiede e la strada con una sola ruota posteriore che fuoriesce sulla ampia via sgombra da ogni veicolo, il tuo amico che hai appena lasciato,  ti richiama perché si è dimenticato di darti una cosa e in quel momento ti vedi accostare quasi stringere da un tuc tuc sulla destra con a bordo due poliziotti.
Immaginate la scena: ancora assonnati, in una fresca mattina di fine luglio, stai portando in auto i tuoi genitori e degli amici al mare, le strade sono vuote, la piccola città dorme ancora, i turisti sono pochi, le macchine rare. I tuoi parenti e amici sono appena arrivati a Malindi che gli decanti da anni come un posto incantevole dove tutti sono gentili ed ospitali ma a screditarti arrivano invece all’improvviso due in divisa ma senza cartellino di riconoscimento che con aria truce e modi sgarbati spingono via il tuo amico, ovviamente ti parlano in kiswahili che tu non capisci e con un loro inglese poco comprensibile e con modi molto sgarbati ti fanno capire che hai intralciato il traffico. Ti viene da domandarti mentre giri a destra e a sinistra la testa osservando il vuoto intorno, “quale traffico?”dato che appunto a parte noi e loro non c’è nessuno in giro? Poi ti rispondi da sola che non è il caso di porre a lui la domanda che potrebbe sembrargli ostile e sarcastica. Stessa cosa deve averla pensata Paolo, dato che entrambi ci siamo immediatamente scusati, spiegando che stavamo facendo manovra per scendere dal marciapiede (il quale viene usato anche come parcheggio abituale) e non ci eravamo accorti che una  ruota era già giù dal marciapiede essendo stati chiamati dal nostro amico. “Ce ne andiamo subito, ci scusi!” ma la spiegazione e la nostra gentilezza e cordialità non sono state accolte nel modo che ci si aspetterebbe. Anzi la nostra reazione pacata deve averlo inspiegabilmente indispettito, perché oltre a chiedere a mio marito alla guida la patente che ha subito sequestrato, ci ha informato con tono ancor più truce che aveva commesso un gravissimo reato e aggiungeva: “sapete ora quanto tempo perderete in polizia e poi in corte? Sapete che perderete molte ore?”. Nel frattempo dall’hotel erano usciti gli altri nostri amici che ci avrebbero dovuto seguire da lì a poco per il mare e vista la scena si sono avvicinati per chiedere informazioni. A questo punto il poliziotto ancora più scocciato, molto probabilmente da più testimoni ci ha detto di seguirlo in polizia dato che doveva farci una multa che a suo dire non era possibile pagare immediatamente. Senza proferire alcuna lamentela e sempre con il sorriso, siamo scesi dal marciapiede con la macchina li abbiamo seguiti da lì a pochi metri alla stazione di polizia. Entrati nel piazzale l’atteggiamento è diventato se pur possibile ancora più aggressivo come se si fosse sentito più autorizzato a trattarci male. Il poliziotto continuava a ripeterci che avremmo perso tutto il giorno e ci pareva a tutti noi presenti (eravamo in 5 in auto), un po’ dai toni e soprattutto dai modi, sopra le righe e continuava a ripeterci come se fosse una minaccia il fatto che avremmo perso tempo. Lo stesso ha perfino provato a dire che il mezzo era sequestrato e che era un obbligo nostro dargli le chiavi dell’auto, cosa che, per la pronta e ferma ma sempre gentile risposta di mio marito, è stata evitata dato che gli  ha spiegato che l’auto era sì guidata da lui ma essendoci a bordo altre persone se lui doveva intanto pagare la multa noi potevamo essere liberi di andare altrove.
Arrivati a questo punto, la nostra idea, il nostro concetto di pagare una multa, si sono rivelati molto differenti, infatti pare che, anche se senza un vero e proprio diritto legale, per una qualsiasi tipo di multa, ovvero per una sciocchezza come questa del parcheggio che sporgeva per una ruota sul manto stradale o come l’assenza di cintura di sicurezza, si è messi in arresto.
Nel vero senso della parola vieni arrestato e sequestrato in una stanza, insieme a diversi altri guidatori che possono essere stati arrestati per diversi e ben più seri motivi e non puoi permetterti di uscire a prendere aria, non ti puoi permettere di stare sulla porta e nemmeno parlare con nessuno al di fuori della guardiola.
Dopo 3 ore di paziente attesa! Sì, 3 ore di attesa si sono decisi a riunire i 7-8 mal capitati tra cui mio marito, li hanno caricati su di una camionetta e li hanno portati in tribunale dove ci era stato detto, un giudice avrebbe deciso la multa corrispondente al reato.
Mio marito ed io non sapevamo se ridere o se piangere, nel frattempo i nostri parenti e amici accorsi alla stazione di polizia che non si capacitavano del trattamento non hanno voluto lasciarmi un attimo, perché dato l’ambiente anche poco rassicurante e l’atteggiamento del poliziotto temevano per mio marito e per me. Io sono riuscita a rimanere con lui solo dopo molte insistenze e solo, perché ho spiegato che lui non parlando bene l’inglese poteva avere difficoltà a comunicare e comprendere e quindi anche io, in pratica “mi sono messa in arresto” pur di rimanere con lui. Arrivati in tribunale, in corte per l’esattezza, essendo arrivata io qualche minuto dopo la camionetta che avevo seguito, non ho trovato mio marito, non era né nell’aula, né nel cortile e con mio grande stupore mi sono sentita chiamare dalla sua voce, la quale proveniva da alcune fessure in un muro. Ho scoperto così che era stato messo in una cella insieme ad una ventina di arrestati per ogni specie di reato. Ho provato a chiedere spiegazioni ma nessuno mi ha voluto aiutare, anzi sia i dipendenti del tribunale e sia i poliziotti, ridacchiavano o non mi guardavano neppure e non mi rispondevano alle domande. Fortunatamente ho trovato un legale all’interno della corte, amico di amici il quale avendomi riconosciuto mi ha subito dato una mano per cercare una soluzione a questa storia assurda. Di quelle storie che leggi sui giornali o solo nei libri!
Purtroppo non c’era molto da fare se non aspettare che il giudice in corte lo chiamasse e così pochi minuti prima delle 12.30 dopo un’altra ora di attesa in gattabuia, mio marito è stato portato dalla cella all’aula. Se prima ero rimasta sotto choc quando era dietro le sbarre in una cella orribile, sporca e maleodorante con più di 20 persone, quando l’ho visto entrare in cortile, incolonnato insieme a tutti i delinquenti mi sono sentita male, dato che, se anche non fosse stato abbastanza il prima, ora aveva anche le manette alle mani! Non è uno scherzo, aveva davvero le manette!
Per un “parcheggio fatto male” si è ritrovato in cella con e come un criminale addirittura con le manette!!
Io ho tenuto botta alla scena, come i miei suoceri presenti ma mia madre che era con me non si è più contenuta e si è avvicinata al poliziotto che lo teneva e gli ha detto che si sarebbero dovuti vergognare a trattare una persona, per una multa ridicola come se fosse un criminale. Il poliziotto l’ha guardata e si è anche messo a riderle in faccia. Nel frattempo con l’avvocato abbiamo tentato di far sbrigare le pratiche ma alle 13.00 in punto il giudice ha deciso che doveva andare a mangiare e così mio marito e tutti gli altri sono stati riportati dentro in cella nuovamente con le manette fino alle 14.45. Dopo di che, finalmente verso le 15.00 il giudice si è degnato di parlare con il nostro avvocato il quale è riuscito per lo meno a velocizzare la discussione del suo caso che si è concretizzato in una multa di 3000Scellini, circa 27 euro.
Uno pensa a questo punto è uscito subito? No, a questo punto una persona normale, vorrebbe, come dalla mattina alle 8.15 pagare la multa ma non può, infatti deve aspettare ancora più di un’ora, e perché uno si chiede? Perché il cassiere non c’è, semplicemente non è rientrato dalla pausa pranzo e così mio marito è stato nuovamente chiuso in cella fino alle 16.30 del pomeriggio.
Quasi 9 ore arrestato, chiuso in cella con individui poco raccomandabili, ammanettato come un criminale per esser sceso e sostato forse nemmeno 3 minuti con una ruota giù dal marciapiede!
Parlando con persone del posto, italiani ed altri stranieri, ci hanno spiegato che se avessimo “offerto una soda” al poliziotto ci saremmo risparmiati fatica e tempo e di sicuro l’arresto e che l’atteggiamento arrogante e l’eccesso di potere esercitato erano atti a convincerci a pagare direttamente il poliziotto anziché la multa, infatti offrire una soda in gergo significa una tangente.
I nostri amici che hanno assistito all’arresto, e a tutta l’assurda spiegazione sulla folle giornata, hanno deciso di annullare la prenotazione a Malindi di una settimana, si sono chiusi in camera fino alla mattina dopo quando hanno preso un pulmino che li ha portati all’aereoporto per un volo last minute per Zanzibar.
I nostri parenti ci scongiurano ogni minuto di non investire alcunché in questo paese, tantomeno a Malindi, i nostri amici che risiedono qui stanchi da anni di accadimenti simili e anche peggiori ci incitano ad andarcene ma a denunciare queste persone.
E noi siamo qui frastornati a spiegare loro che per colpa di una, due mele marce si sta guastando tutta una città e la loro immagine e reputazione.
In realtà forse la considerazione è più profonda e amara da fare. Un conto era, anche se per una sciocchezza, avere torto e quindi voler pagare una multa, ben altro è stato finire per 9 ore in galera e per di più con le manette solo perché forse non abbiamo voluto pagare una tangente!
Nessuno dalle 8.15 alle 16.30, dai poliziotti semplici fino ai grandi capi, i quali ci hanno fatto sapere solo dopo di scusarsi, salvo prima far finta di nulla, sono intervenuti per cercare di evitare questo scempio e la loro pessima figura, come istituzioni, governo, stato e paese.
Quindi ci chiediamo se non c’erano i termini e nemmeno i diritti di arrestare perché è stato permesso? Significa forse che tutti erano d’accordo ad aspettare che noi cedessimo alla corruzione?
Gente, brava gente di Malindi non c’è bisogno di pagare “una soda” a nessuno se si è nella ragione e se anche nel torto basta pagare il giusto. Smettiamola, soprattutto noi italiani di prestare il fianco a queste situazioni,(non è solo un malcostume italiano pagare una tangente per non passare una giornata come la nostra o semplicemente per velocizzare una qualsiasi cosa), smettiamola di dimostrare che il luogo comune che siamo corruttori e corruttibili è vera in Italia come anche all’estero. Smettiamola di farci sempre riconoscere, possiamo essere meglio e  tanti italiani davvero brave persone ne sono la prova.
In ogni caso per questo accadimento, non ci sono termini gentili o pacati per esprimere questa situazione, né tanto meno la nostra delusione. Delle scuse del capo della polizia, ricevute tramite il portavoce dei residenti italiani di Malindi, sinceramente non ce ne facciamo nulla ed ovviamente non le possiamo accettare e le rimandandiamo cortesemente al mittente, il quale tra le altre cose, avrebbe per lo meno potute farle di persona per renderle ancor meno sterili.
Non credo effettivamente che Malindi sarà più una meta da tenere in considerazione per amici e parenti e sinceramente spero che questa notizia trapeli molto velocemente e arrivi ad informare tanti, così che altri non possano subire quello che abbiamo passato noi.
Mi dispiace per l’ennesima cattiva pubblicità che questa cittadina si è fatta ma per quanto mi riguarda posso confermare che se la merita in gran parte e che anche e soprattutto il mal costume di noi europei e qui a Malindi soprattutto italiani è artefice di questi eventi e questa ne è stata l’ennesima prova tangibile.
Credo anche che gli aiuti che eravamo riusciti ad ottenere per la realizzazione di un programma di volontariato culturale e sociale per la comunità locale per la costruzione di un orfanotrofio con una nuova tecnica  a basso impatto economico ed ecologico con la paglia, verranno ridimensionati se non addirittura deviati per altre destinazioni.
Dispiace solo vedere che la popolazione continuerà a risentire degli errori di pochi ma che purtroppo però paiono essere di più che pochi e di certo predominanti sul resto.
Ma si sa il detto dice “che chi è causa del suo mal “… .

Read Full Post »

Malindi 15 luglio 2010 ore 21. 47 ora locale (Italia -1 ora per via dell’ora solare)
Emmanuel solo 10 anni
Emmanuel ha  10 anni, è magrolino ma dinamico e forte. Ama fare karaté come suo papà. Ha il mito di Bruce Lee e con l’aiuto di Paolo, mio marito, sta imparando a far roteare un bastoncino di bambù come si fa con i “nunchaku” e qualche nozione base di difesa personale. Mentre si allena è molto fiero di sé, concentrato e serio con lo sguardo fisso verso Paolo, mentre svolge i movimenti lenti.
A prima vista in mezzo ai tanti non lo noti, 35 bambini sono tanti, ancora dopo 4 anni e passa, di frequentazione con questo gruppo allegro e chiassoso, facciamo fatica a ricordarci i nomi di tutti.
In passato qualche notizia su qualcuno di loro la abbiamo ricevuta da Christopher ma  in mezzo a tante tristi storie, la similitudine di destino di molti di loro, te li fa confondere : “la mamma è morta, non ha il padre”, “era malato è morto”, “aveva l’aids”, “beveva”, ”era una prostituta”, “la nonna è troppo vecchia per occuparsene”, “è finito in carcere il suo unico genitore e non ha nessuno a casa che si occupi di lui”, insomma in questo desolato elenco si faceva fatica a ricordarsi il passato di tutti.
Ma in questi giorni mi sto mettendo a fianco uno di loro a turno per scrivere qualcosa su le loro vite e sto imparando a conoscerli meglio. Allora a fatica con alcuni di questi, iniziamo scrivendo la loro età, cosa amano studiare, il loro piatto preferito, come vanno a scuola, cosa vorrebbero fare da grandi, quanto tempo fa sono arrivati al Leamwana.
Piano, piano ci avviciniamo ai ricordi, al momento di quando si sono separati dalle famiglie. “Cosa provavi?” Qualcuno si ricorda, qualcuno no, qualcuno dice che era felice da subito, qualcuno invece dice che è felice ora, sottintende che all’epoca non lo era, mi chiedo io?
Con molti bisogna ripetere con calma e dolcezza le domande più volte, ancora dopo 4 anni che ci conoscono e molti mesi che li frequentiamo assiduamente, si vergognano, un po’ per carattere e un po’ per educazione, sono poco abituati a parlare di sé e soprattutto credo con un muzungu(bianco).
Invece con pochi altri ma soprattutto con Emmanuel, semmai si ha la situazione opposta.
Lui è un fiume in piena, parla, si spiega, ricorda. Che piacere, pensavo ieri, mentre parlava con emozione e con la voce carica di dolcezza di come si ricordava di sua madre e di come lo amasse molto. Mi ha raccontato un pezzo della sua vita, dei suoi ricordi. Di sua madre e di suo padre, fiero, mi spiega che lavorava per la compagnia dell’elettricità ma che ora non lavora più. “Non si può occupare più di me e anche mia nonna è troppo anziana!”. Semplice e diretto spiega che quindi è arrivato qui ma si è subito trovato bene, perché mangia regolarmente e dorme in un letto anche se lo deve dividere con un altro bambino ma soprattutto e ci tiene a sottolinearmelo, qui gli danno la possibilità di studiare come amava fare suo padre e lui vuole studiare tanto per diventare un soldato.
Mamma mia, penso io, spero proprio di no! Provo a chiedergli “come mai pensi a questo lavoro, per le armi forse?Ti piace giocare  alla guerra?” “No, assolutamente ma io voglio servire il mondo se ce ne fosse bisogno!”.
Il tempo di tornare a casa è arrivato allora lo ringrazio e gli dico che continueremo domani. Lui è felice, perché a potuto dirmi tante cose e me lo dice pure.
Oggi quindi quando sono arrivata e mi sono seduta iniziando a scrivere con una delle bambine e a rispondere con dei bambini a qualche mail dei loro sponsor tra i miei amici, vedevo che mi ronzava intorno e spesso mi faceva domande o mi correggeva mentre scrivevo. Così dopo aver finito alcune cose e visto che rimaneva ancora vicino a me abbiamo ricominciato a parlare. Siamo partiti da Paolo, mi ha chiesto “dove va tutti i pomeriggi?” e così gli ho spiegato che lui non è stato fortunato quando era più piccolo e non ha potuto studiare le lingue e quindi ora gli tocca imparare con più fatica. Così lui mi dice che sa di essere fortunato perché al Leamwana può studiare cosa che a casa non gli sarebbe stato possibile fare.
“Sai Emmanuel è molto bello quello che dici, hai avuto una vita un po’ difficile, è vero ma i problemi possono essere occasioni per capire delle cose della vita e anche se hai vissuto cose brutte ce ne sono altre per le quali puoi considerarti comunque fortunato!”. “Sì ringrazio Dio” mi dice e da quel pensiero, come un fiume in piena mi ha raccontato i tasselli sulla sua vita che mi mancavano.
Prima che morisse sua mamma avevano una bella casetta, anche se di fango e pietre e mangiavano bene ma i vicini gelosi li hanno denunciati alla polizia raccontando bugie e cose brutte su di loro. Si ricorda che sono arrivati i poliziotti e gliel’ hanno distrutta, buttandola giù. Suo fratello ha cercato di impedire lo scempio, il padre non c’ era, così lui e sua mamma sono dovuti scappare nella foresta, mentre suo fratello è fuggito lontano. Quando, finalmente il padre li ha ritrovati li ha fatti rimanere nascosti anche se non ha mai saputo perché e così lui ha perso diversi mesi di scuola.
Molto probabilmente l’intervento della polizia era stato scatenato da lotte di pulizia etnica tra tribù, le quali spesso sono successe e forse ancora accadono in certe parti del paese, senza che nessuno lo sappia.
Dopo che si erano nuovamente riuniti, non era ancora momento di stare tranquilli, il fratello, il quale era tornato dopo molto tempo, probabilmente dopo molti mesi, avendo frequentato brutte compagnie, “si era trasformato in un diavolo”. Così dice lui spalancando gli occhi, “era drogato?” gli chiedo io e lui annuisce. In un altro soffio mi dice che suo fratello ha cercato di ucciderlo e che lui se lo ricorda molto bene mentre è stato salvato dalla madre e solo per fortuna. Il padre tornato a casa e scoperta la malefatta ha cacciato quindi l’altro suo figlio, il fratello Caino.
Sembrerebbe già tanto per un bambino ma si vede che la vita anche per lui ha deciso di accanirsi. Sopo poco, una caduta massi da una collina travolge delle persone, tra le quali c’e anche sua madre, dopo una lunga malattia, forse un coma, gli viene così portata via l’amata mamma.
Il padre rimasto solo, con un lavoro che lo porta spesso lontano e senza poterlo affidare a nessuno, decide di trasferirsi dalla nonna . Il destino non è ancora soddisfatto abbastanza e così poco dopo, un incidente sul lavoro rende il padre di Emmanuel invalido tanto che è destinato ad usare le stampelle a vita. Così è stato deciso, per il bene del bambino di portarlo al LeaMwana per essere accudito e seguito con cura, dove i pasti sono garantiti, la scuola privata è una realtà e la vita per lui si auspica migliore che se fosse rimasto a vivere a casa con il padre oramai senza lavoro e senza soldi.
A questo punto del racconto, il suo respiro si era fatto corto e il petto si alzava e abbassava velocemente, i suoi occhi hanno cominciato a riempirsi di lacrime e a quel punto me lo sono tirato vicino e l’ho abbracciato forte. L’ho coccolato come si fa con i bambini piccoli e l’ho cullato e gli ho detto che poteva piangere e liberarsi. Così è stato.
Poi gli ho sussurrato che è fortunato, perché sarà un uomo forte e buono e potrà aiutare gli altri, perché sa cosa sia la dura vita ma sa anche che ha avuto la fortuna di incontrare persone che si occuperanno di lui e che gli vogliono bene.
Emmanuel ha solo 10 anni e una vita dura ed intensa alle spalle.
Ma per esperienza diretta so per certo che ce la farà.

Read Full Post »

Kim ha 11 anni e frequenta la 5°. È stato affidato alle cure del Lea Mwana per i gravi problemi di denaro in cui versava la mamma, che non le consentivano di provvedere al suo sostentamento. Ha solo lei ed in un anno è riuscita a vederla solo una volta a causa della grande distanza. A Kim piace stare al Lea Mwana, perché si rende conto che qui può studiare in maniera adeguata: le sue materie preferite ? Scienze e matematica. Gli piace studiare molto perché animato da un senso di patriottismo nei confronti della sua terra. Parla molto bene e conosce approfonditamente la storia della sua nazione; è molto sveglio e spero (commento personale) che possa diventare un maestro.
I suoi cibi preferiti sono ugali (per l’energia), pesce (per la struttura corporea) e banane (perché protettive). I commenti tra parentesi sono le motivazioni da lui stesso date. Gli piace il ballo doping-dancing stile Michael Jackson.

Read Full Post »

Malindi-Muyeye 13 luglio 2010

Prima che aprisse LeaMwana, Carolyn arrivò nella famiglia di Agnes e Christopher; aveva solo 7 anni. Perse il padre per un incidente d’auto che era molto piccola; sua madre essendo molto giovane e con un altro figlio non poteva occuparsi di lei e quindi la diede alle cure di Agnes e suo marito. Nel frattempo suo fratel…lo morì per malattia e sua madre incominciò a bere e le cose andarono peggiorando così che Carolyn restò al LeaMwana (che nel frattempo avevano aperto la struttura). Sfortunatamente questa settimana sua madre è morta per malattia. Così Carolyn ora è sola completamente. E’ una bella ragazza di 13 anni è responsabile con gli altri bambini più piccoli, ama studiare ed ovviamente è una brava scolara tanto che vorrebbe diventare un dottore per aiutare gli altri.
A febbraio 2011 andrà al liceo, una scuola più cara rispetto alle medie, il costo annuo per la retta della scuola sarà di 500€. Più persone e famiglie potrebbero diventare insieme sponsor per i suoi studi, donando 100€ a famiglia per un anno.

Read Full Post »

Older Posts »